Assemblea: relazione del Sindaco Mirella Facchin

Come promesso, alla scadenza pattuita abbiamo indetto questa assemblea pubblica per relazionarvi sullo stato economico del nostro Comune.

Permettetemi però di fare una doverosa premessa, che serve per meglio inquadrare le cifre di cui vi parlerà poi Valerio Ferri, che ha lavorato su questa revisione con l’aiuto della Dottoressa Palestra che ci sta facendo da consulente in quest’ultimo periodo.

Sapevamo, al momento del nostro insediamento, che la situazione del Comune non era florida, anzi che era indubitabilmente difficile, ma certamente non ci saremmo aspettati che, il giorno successivo al nostro arrivo, ci venissero disattivate le utenze telefoniche perchè non erano state pagate le relative fatture.

Le difficoltà economiche sono risultate accresciute dal terribile stato di disordine imperante negli uffici: non si trovano fatture, pezze giustificative, delibere, determine e quant’altro.

Gli archivi sono nel marasma più completo e mancano addirittura documenti che dovrebbero essere obbligatori secondo la legge.

Ci si potrebbe domandare come ciò possa essere possibile, ma in effetti questo stato di cose è la migliore dimostrazione della colpevole incuria in cui è stato abbandonato il nostro paese.

Da un punto di vista amministrativo, poi, ciò crea una situazione di profonda incertezza non solo sulle modeste entrate comunali, ma soprattutto sui debiti pregressi, di cui non sempre risultano disponibili le fatture, gli impegni di spesa o gli idonei stanziamenti di bilancio.

Ancora oggi, e non di rado, veniamo conoscenza di debiti fatti dalle Amministrazioni che ci hanno preceduto non perché li troviamo elencati nelle scritture contabili del Comune, ma perché i debitori ce ne sollecitano il pagamento.

A ciò va doverosamente aggiunto un particolare non trascurabile: nessuno che nel passato abbia avuto competenza finanziaria nel comune ci ha esaustivamente relazionato sull’attività pregressa, né ci ha fatto una relazione di qualche tipo che ci permettesse di comprendere la portata dei debiti.

Al nostro arrivo, la segretaria comunale – peraltro provvisoria – non ci ha fornito né supporto né collaborazione, spingendo la propria inerzia fino a rifiutarsi di farci relazioni sullo stato del Comune e sulle cause pendenti, da cui non si può prescindere per valutare correttamente lo stato delle finanze di Lardirago.

Per questi motivi, oltre che per altri di notevole gravità, è stata sospesa dall’incarico, ed è stato nominato un nuovo segretario.

A questo proposito, proprio perchè della questione si è fatto un uso strumentale, vorrei chiarire alcuni fatti.

Il Segretario comunale è una figura OBBLIGATORIA, dal quale non si può prescindere. Un comune, quand’anche sia in precarie condizioni economiche, NON PUÒ scegliere di farne a meno, anche perchè si tratta del funzionario che garantisce la legittimità degli atti compiuti dall’Amministrazione.

Al momento in cui ci siamo trovati senza segretario, per i motivi che prima vi ho esposto, ci siamo subito attivati allo scopo di trovare un segretario in condivisione con i paesi vicini.

Purtroppo ciò non è stato possibile ma è ovvio che, non appena raddrizzate le sorti del Comune di Lardirago, l’Amministrazione farà ogni sforzo per stipulare convenzioni con altri Comuni, con i quali dividere i costi relativi alla dott. Coviello.

Prima che l’assessore al bilancio vi illustri la situazione, lasciatemi spiegare un altro paio di cose.

La prima riguarda l’ultimo bilancio del comune, quello licenziato dalla Commissaria dottoressa D’Onofrio poco prima delle elezioni; in esso, inesplicabilmente, gli stanziamenti relativi a gran parte delle spese indispensabili per il buon funzionamento della macchina amministrativa terminavano al 30 giugno 2012 anziché al 31 dicembre 2012, data in cui si conclude l’esercizio finanziario.

È un po’ come se nel mettere da parte i soldi per l’affitto di casa, un padre di famiglia ne prevedesse solo per sei mesi.

In conseguenza di questa scelta solo apparentemente incomprensibile, le incaricate dell’ufficio ragioneria hanno dovuto terminare la loro attività, e così pure l’ architetto Lunghi dell’ufficio tecnico, semplicemente perchè a bilancio non esistevano i soldi per pagarli sino alla fine dell’anno.

Allo stesso modo nulla era stato previsto per il segretario comunale, nonostante sia, come abbiamo già detto, una figura obbligatoria, né come compenso per gli amministratori, essendo stato inserito a bilancio esclusivamente lo stipendio per il Commissario Straordinario fino al mese di aprile.

Poco o nulla era stato previsto per la scuola, per le situazioni di handicap, ed in generale per gran parte dei servizi.

Ovviamente, neanche un euro per tutte quelle situazioni problematiche, di tipo edilizio, rimaste in sospeso sul territorio: parlo, ovviamente, del problema del riscaldamento nella scuola elementare, (senza il quale la scuola non avrebbe potuto riaprire) della pavimentazione della palestra già seriamente danneggiata e quindi pericolosa, della mancanza di spogliatoi e di bagni sempre nella palestra, del pessimo stato del parco giochi antistante il comune.

In compenso, una cospicua parte delle entrate è stata destinata al finanziamento di spese legali per cause in corso e debiti fuori bilancio derivanti da gestioni pregresse.

Certo, formalmente il Bilancio risultava in equilibrio, ma a quale prezzo?

Per la verità, con una scarna ma eloquente lettera di commiato, il Commissario D’onofrio ci ha segnalato lo stato gravissimo in cui versano le casse comunali, le grandi difficoltà a procedere anche nell’ordinaria amministrazione e ci ha suggerito di riflettere con attenzione sul futuro da prevedere per il paese. Di identico avviso è il revisore dei conti, che ha descritto la nostra come una situazione gravemente deficitaria.

Di grave e futuro pregiudizio saranno foriere anche le numerose cause che il comune ha in corso, gran parte delle quali potranno terminare con una condanna e quindi col relativo esborso economico.

Attualmente il problema è anche la gestione ordinaria del comune, non solo per il disordine e la confusione di atti e documenti, ma anche per la situazione del personale: la Signora Monica sta lavorando con grande buona volontà, disponibilità e senso di collaborazione, ma è appena arrivata e come ovvio necessita di un periodo di adattamento. Quanto alla Signora Vilma, se ne è appena andata ed è in corso la sua sostituzione. Qualcuno potrebbe osservare che forse sarebbe stato più opportuno non concedere la richiesta mobilità, e mantenere il dipendente al suo posto.

Personalmente, però, ritengo che, ove possibile, sia meglio per l’amministrazione e più rispettoso nei confronti del dipendente rispettarne i desiderata e concedere l’autorizzazione a fare esperienze diverse ove sia richiesto: credo che un dipendente rancoroso per non aver ottenuto accoglimento alle proprie legittime istanze lavori peggio e con un basso standard di profitto.

Da ultimo, e solo allo scopo di chiarire un pettegolezzo sgradevole, vorrei chiarire che ad oggi gli amministratori, sindaco, vicesindaco, consiglieri, non hanno percepito alcun emolumento, nonostante siano tutti i giorni presenti e disponibili; il loro impegno, almeno per il momento, è profuso per il paese a puro titolo di volontariato.

E’ appena il caso di sottolineare che, interrompendo una tradizione pluriennale e consolidata, nessuno di noi utilizza telefoni cellulari che non siano i propri, né riceve rimborsi benzina quando utilizza il proprio automezzo per motivi istituzionali. Siamo arrivati al punto che la targa commemorativa per onorare la nostra concittadina centenaria è stata pagata di tasca propria dagli Amministratori.

Ovviamente questa non è una lamentela, ma una considerazione che merita di essere sottolineata.

Cedo ora la parola al Vicesindaco che vi esporrà nel dettaglio la situazione debitoria del nostro comune.

Informazioni su giannicatalfamo

www.linkedin.com/it/giannicatalfamo
Questa voce è stata pubblicata in Cronache dal Comune. Contrassegna il permalink.

La tua opinione...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...