Strada Provinciale 2

“La Provincia Pavese” stimolata da alcuni cittadini, chiede al nostro Sindaco come mai non si ponga rimedio alla situazione di obiettivo pericolo in cui si trovano le case che si affacciano sulla S.P. 2 Landriano-Pavia nel tratto in cui attraversa il nostro Comune.

Il Sindaco risponde che il Comune non ha giurisdizione su un tratto che è di proprietà privata fino al confine con il sedime della strada Provinciale, ovviamente di proprietà della Provincia, e che la situazione di obiettivo pericolo è stata causata da chi ha rimosso i “panettoni” di cemento che rappresentavano una certa protezione.

Si ignora quali possano essere state le ragioni di questa bella pensata (forse qualcuno lì vicino aveva bisogno di un parcheggio? Mah…) ma il suo autore è ben noto: si tratta di un provvedimento illegittimo (in quanto su territorio non comunale) dell’ex-Sindaco e mai Architetto Luigi Cella che, interpellato dal giornalista, anziché giustificarsi per aver messo a rischio la vita dei suoi concittadini spavaldamente risponde che “…in quattro anni, almeno un guard rail si sarebbe anche potuto mettere”.

Cioè le protezioni le ha tolte lui e la colpa è di chi avrebbe dovuto rimetterle?

Peccato che la Strada Provinciale sia, per l’appunto, della Provincia e i guard rail li possa posizionare solo quest’ultima, a meno di aggiungere illegittimità a illegittimità, come probabilmente avrebbe fatto lui con l’usuale cocktail micidiale di ignoranza, approssimazione e bullismo.

Informazioni su giannicatalfamo

www.linkedin.com/it/giannicatalfamo
Questa voce è stata pubblicata in Battibecchi. Contrassegna il permalink.

La tua opinione...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...