Che differenza!

Che differenza di stile e contenuto.

Il nostro Sindaco spiega la situazione, cita dati e numeri, insomma parla di fatti per rispondere a un quesito giunto da una minoranza alla affannosa ricerca di qualsiasi scusa per stornare l’attenzione da quello che ormai anche il cittadino più distratto ha capito essere il problema di Lardirago, ovvero le innumerevoli leggerezze ed errori (per non dir di peggio) inanellati dal suo ex-Sindaco ora condannato penalmente in via definitiva per abuso di ufficio e di poteri.

Le sue sostenitrici invece, insoddisfatte della lunga relazione del Sindaco (che forse si aspettavano di ben altro tono) tornano alla carica con rimedi fantasiosi che proprio l’autore delle malefatte metterebbe in atto SE ritornasse a essere Primo Cittadino.

“Se…”

E’ questo il vero “dettaglio non da poco”, perché

Luigi Cella NON GODE PIÙ

della fiducia dei concittadini a cui le sue sciagurate Amministrazioni hanno ripetutamente messo le mani in tasca e raccontato panzane presentando Bilanci che sapeva benissimo essere falsi e, dopo la sentenza della Corte di Cassazione, sarà escluso anche dalla prossima tornata elettorale.

Due soli i punti meritevoli di commento: voi sembrate non aver capito che il problema sulla questione Edilstrade non è tanto la (dubbia) legittimità di asfaltare strade non di proprietà del Comune, quanto il fatto che

i lavori sono stati ordinati senza avere il denaro per pagarli !

Quanto poi al ritornello sulle spese legali eccessive, la predica viene davvero dal pulpito sbagliato: proprio nel corso dei mandati di Luigi Cella Lardirago pagò in nove anni l’enorme somma di quasi 180.000 euro ad un solo legale per avviare un numero infinito di cause prive di fondamento (quasi tutte perse); questa Amministrazione invece cerca solo di evitare danni peggiori in procedimenti iniziati da altri. Il signor Cella inoltre non ha esitato a pignorare il conto corrente del Comune dove abita (e di cui conosce bene le difficoltà) in forza di una sentenza di Primo Grado che ben potrebbe essere riformata in Appello – per (nostra) fortuna è nel frattempo arrivata la sentenza della Cassazione mentre per le altre… si vedrà a tempo debito.

Non merita risposta alcuna invece la vostra lista della spesa: questa Amministrazione lavora da anni (gratuitamente, altro che compensi e rimborsi spese da migliaia di euro al mese!) per cercare di riportare in equilibrio i conti di un Comune che ha fin troppo subito: soddisfare le istanze che elencate è ostacolato proprio dalla sistematica opera di saccheggio la cui inaudita gravità abbiamo capito solo a partire da maggio 2012.

Visto che però siete in vena di ripassi, cominciate da questo: lo scrivemmo durante la campagna elettorale e da allora non abbiamo smesso per un istante di perseguire questi obiettivi.

Informazioni su giannicatalfamo

www.linkedin.com/it/giannicatalfamo
Questa voce è stata pubblicata in Battibecchi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Che differenza!

  1. Anonimo ha detto:

    Ma che noia possibile che ancora non l’abbiano capita…..?!?!
    Quello che hanno scritto sul loro volantino….. vale come la carta igienica anzi meno perché non la si può nemmeno utilizzare per quello!!!
    Questa amministrazione lavora GRATIS (VOGLIO VEDERE CHI ALTRO FA O FAREBBE UNA COSA DEL GENERE!!!!)…… e loro se ne escono con queste scemenze???
    La minoranza di questo paese non fa altro che replicare sempre le solite quattro bugie nel tentativo di salvare il loro ex-capo!!!!

La tua opinione...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...